Cosa sono i DOMS: Dolori post allenamento

9 Ottobre 2019

I metodi per prevenire i DOMS, ovvero i dolori post allenamento

DOMS è l’acronimo di “Delayed Onset Muscle Soreness”, che in italiano significa “indolenzimenti muscolari a insorgenza ritardata”.

Si tratta della “complicazione” sportiva più diffusa e meno grave.
Alcuni culturisti ne gradiscono la comparsa, reputando che si tratti di un indicatore di buona efficacia allenante. Diverso è per gli sportivi che si allenano ogni giorno, per i quali diventano un fastidio.

Non si manifestano dopo qualunque genere di attività motoria, sia aerobica che anaerobica.
Compaiono più facilmente dopo lo stimolo della forza e dell’ipertrofia, in particolare quando si raggiunge l’esaurimento muscolare.

Non devono essere confusi con il torpore e il bruciore immediati dovuti all’accumulo di acido lattico o con i dolori provocati da piccole contratture (istantanei ma anch’essi duraturi).
Sono provocati da lesioni microscopiche del tessuto muscolare e connettivo, che avvengono principalmente durante la contrazione eccentrica o isometrica.
La lesione dei ponti acto-miosinici delle cellule muscolari libera alcune molecole (infiammazione), che interagiscono con i recettori del sistema nervoso periferico attivando la risposta centrale del dolore.

I DOMS compaiono dopo almeno un giorno e si possono protrarre fino ad oltre una settimana.
Vengono considerati fastidiosi e potenzialmente invalidanti, ragion per cui molti preferiscono evitarli con opportuni rimedi.

 

Come posso prevenire i DOMS?

I modi più efficaci di prevenire i doms sono:

  • Riscaldarsi prima e defaticare dopo l’allenamento
  • Rispettare il principio della progressione nel carico.
  • Non fare allenamenti “esagerati”
  • Rispettare il principio della super compensazione: recupero proporzionale, alimentazione e idratazione adeguate.
  • Se necessario ridurre l’intensità e il volume delle sessioni

 

Alcuni rimedi per i DOMS

Per ridurre la possibilità di avere dolori post allenamento (DOMS), questi sono alcuni rimedi:

  • Massaggi: anche se non ne è provata l’efficacia, servono a rimescolare i fluidi extracellulari, favorire la circolazione e aiutano a sciogliere i fasci muscolari più tesi.
  • Attività aerobica post-allenamento: oltre al famoso defaticamento, alcuni preparatori suggeriscono di eseguirla anche il giorno dopo per favorire la rimozione delle molecole responsabili dell’infiammazione.
  • Alimentazione: tutte le spezie con proprietà antiossidanti e gli integratori di Omega 3 aiutano nella riduzione dei doms.
[et_pb_wc_title product=”29403″ _builder_version=”4.4.6″ header_text_align=”center”][/et_pb_wc_title][et_pb_wc_images product=”29403″ show_product_gallery=”off” _builder_version=”4.4.6″][/et_pb_wc_images][et_pb_wc_price product=”29403″ _builder_version=”4.4.6″ text_orientation=”center”][/et_pb_wc_price]
[et_pb_wc_title product=”29403″ _builder_version=”4.4.6″ header_text_align=”center”][/et_pb_wc_title][et_pb_wc_images product=”29482″ show_product_gallery=”off” _builder_version=”4.4.6″][/et_pb_wc_images][et_pb_wc_price product=”29482″ _builder_version=”4.4.6″ text_orientation=”center”][/et_pb_wc_price]

Ti potrebbe interessare…

Cosa sono le fibre muscolari?

Cosa sono le fibre muscolari?

Fibre muscolari e classificazione Ogni muscolo è formato da fascicoli, a loro volta costituiti da cellule chiamate,...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *